FILIPPO VIGNALI

Filippo Vignali è nato a Rimini, dove vive. Laureato in Economia e Commercio, ha lavorato a lungo in una multinazionale della moda. Determinato a tornare nella bolla della fanciullezza, Filippo, dopo molti anni di lavoro, decide di mettersi in gioco passando a una azienda che distribuisce piccoli giocattoli, recapitati ai bambini tramite distributori di palline e sorprese dentro a pacchi di patatine e uova di Pasqua. Coltiva la passione per la scrittura fin da giovanissimo: a tredici anni il presidente di una squadra di calcio dilettantistica gli dice “vai bene a scuola, ci serve qualcuno che scriva la cronaca delle partite in casa per il Corriere Adriatico”. Per diversi lustri le parole crescono sulla pagina seguendo questo canovaccio: tanto giornalismo e nessun racconto o romanzo a ingombrare i cassetti. Poi un bel giorno Filippo si iscrive a un corso di scrittura di Enrico Brizzi. “Ci vado per ampliare il mio bagaglio in materia di comunicazione”, rimugina per convincersi, e le parole da libro stampato raccontano di quanto sta trattenendo le emozioni. Il corso però non ha niente di teorico: Brizzi butta i partecipanti nel mare dei racconti per vedere se riescono almeno a stare a galla e a mettere insieme qualche bracciata. A Filippo si spalanca un mondo, che continuerà a esplorare grazie ai corsi di Gianluca Morozzi, che diventerà suo editor di fiducia. Arrivano i romanzi, scritti per buona parte in spiaggia, in mezzo alla gente, per combattere l’ansia della pagina bianca, tutti ambientati in città diverse dalla sua, tutti con la presenza di un bar, un corpo intermedio di cui si tende a sottovalutare il valore. A un altro corpo intermedio, la scuola, Filippo guarda con interesse per un suo futuro impegno lavorativo, e per risultare minimamente credibile, sta frequentando il corso di specializzazione per insegnanti di sostegno.

ULTIMI LIBRI PUBBLICATI

SEGUI L'AUTORE SUI SOCIAL

IMG_2574

"L'arte buona e' quella capace di fare il massaggio cardiaco agli elementi di umanità e magia che ancora resistono e luccicano, malgrado l'oscurità dei tempi." David Foster Wallace